Galleria

'Alberi per il futuro'
Con la Senatrice Maria Domenica Castellone ed il Sindaco Antonio Poziello
Convenzioni per i Consorziati Convenzioni per i consorziati
Attivata la sezione "Convenzioni". Al servizio dei nostri imprenditori.

...

Read more
Firma Convenzione
ASI, Comune di Giugliano, Legambiente ed il comitato Parchi per Kyoto firmano un accordo per la piantumazione di 500 alberi.
'Alberi per il Futuro'
Con la Senatrice Maria Domenica Castellone ed il Sindaco Antonio Poziello
Benessere giovani, 'Agire in comune'
Aperto il bando per la selezione dei giovani che vogliono partecipare ai due corsi gratuiti per tornitura e Ortocultura orto urbano
'Il Bosco delle Caldaie'
Inaugurazione de "Il Bosco delle Caldaie"
Benessere giovani, 'Agire in comune'
Aperto il bando per la selezione dei giovani che vogliono partecipare ai due corsi gratuiti per tornitura e Ortocultura orto urbano
'Alberi per il Futuro'
Con la Senatrice Maria Domenica Castellone ed il Sindaco Antonio Poziello

 

Purtroppo è da qualche settimana che l’area industriale di Giugliano-Qualiano, in cui hanno sede, oltre allo STIR, c.ca 60 industrie private molte delle quali rappresentano l’eccellenza campana nel mercato economico italiano ed internazionale, è diventato terreno di scontro “social”-politico.
La denuncia, giusta a dire il vero, dei terribili miasmi che “appestano” l’aria dell’intero territorio è doverosa e deve essere portata all’attenzione di tutti gli attori principali, ma va fatto nel modo opportuno, seguendo le regole basilari del rispetto della privacy e del prossimo.
È vero, nell’area industriale, tra le altre, ha sede un’azienda che si occupa del trattamento rifiuti per la produzione di energia da bio-gas ed anch’essa partecipa attivamente al problema sollevato, ma di certo non le si può imputare per intero la colpa del fallimento del sistema di gestione rifiuti.
Perché accanirsi con il bio-digestore e non guardare oltre?
Perché non portare all’attenzione del pubblico, la difficoltà che sta attraversando il sistema di gestione dei rifiuti dopo la chiusura dei siti di stoccaggio e trattamento dell’umido con conseguente sovraccarico per lo stoccaggio allo STIR dei rifiuti indifferenziati e umidi?
Perché non si pone l’attenzione alle colonne di autocompattatori in coda sulle strade consortili, in attesa di poter scaricare il loro carico “prezioso” allo STIR, che nell’attesa rilasciano liquami maleodoranti, imbrattando e impregnando le strade, con la conseguente invasione di insetti e animali randagi. Oltretutto, le code in questione, rendono poco sicure le strade consortili mettendo in pericolo migliaia di operatori che ogni giorno si recano al lavoro, ed inoltre creano enormi difficoltà agli accessi, nelle varie aziende, che spesso si vedono il varco d’accesso bloccato o comunque ristretto con conseguenze relative anche al transito degli autotreni che entrano o escono per le operazioni ordinarie di carico e scarico merci.
È eccessivamente semplice ridurre il tutto a qualche video postato sui social network, in cui si punta il dito. Troppo facilmente, oggi, il populismo prende il sopravvento sul modo corretto di risolvere i problemi (proponendo soluzioni piuttosto che accusando e denigrando), facendo seriamente quella che, tanto tempo fa, poteva chiamarsi Politica.
La politica di oggi fa “schifo”!!! è verissimo, ma è peggio chi si professa portatore di verità accusando chiunque ed in ogni direzione solo e soltanto per portare acqua (sporca e corrotta) al proprio mulino.
Se si ha la conoscenza e la competenza adeguata ad indirizzare correttamente un sistema che non funziona come dovrebbe, in modo da renderlo più efficiente e produrre risultati migliori, ben venga! Si proponga il progetto e lo si pubblicizzi solo a risultato conseguito o, in caso contrario, si portino all’attenzione della cittadinanza le ragioni REALI per cui non si è riusciti ad attuarlo (questo vale in generale e non solo per la gestione rifiuti).
Ci rendiamo conto che, purtroppo, la politica dell’ultimo trentennio ha subito notevoli mutazioni, si è “sporcata”, si è “corrotta”, è diventata una macchina del fango e questo ha generato sfiducia, confusione ed allontanamento.
Ma la salute della “gente” … non è da strumentalizzare.
Giugliano in Campania lì, 19/07/2019

Il Presidente del CIG

Luigi Russo